Siracusa: nasce la Rete dei Comitati No Triv Siciliani




Ecologia e salute, Sicilia, Siracusa | Ambra Bonaiuto | 2 agosto 2010 alle 22:28

piattaforma petrolioNei giorni scorsi si è costituita ufficialmente la “Rete dei Comitati No Triv siciliani”, composta da gruppi organizzati sparsi per l’isola, da Marsala a Sciacca, da Menfi a Castelvetrano, da Noto a Scicli, a Caltagirone, Vittoria, Modica, sono solo alcune delle città dov’è presente la protesta contro le trivellazioni nel Canale di Sicilia.

L’iniziativa evidenzia l’impegno, l’attenzione e la dedizione di tanti cittadini, diversi per età, formazione e orientamenti, che stanno seguendo questa vicenda, dopo le numerose autorizzazioni concesse nei mesi scorsi dal Ministero per le Attività Produttive (off-shore) e dall’Assessorato all’Industria della Regione Siciliana (on-shore).

Ne deriva una preoccupazione diffusa da parte degli ambientalisti ma anche dei cittadini, che non riescono a trovare nulla di positivo nonostante le dichiarazioni rassicuranti del ministro Prestigiacomo e di alcuni esponenti politici regionali, in seguito alla presentazione da parte della senatrice siciliana Simona Vicari, componente della commissione industria di Palazzo Madama, di un disegno di legge che intende riformare la legislazione in materia di ricerca e produzione di idrocarburi, introducendo delle procedure meno complesse per il rilascio delle autorizzazioni.

In seguito a tali considerazioni, la rete dei comitati No Triv non intende arrendersi ma bensì proseguire la propria campagna di sensibilizzazione per la salvaguardia del Canale di Sicilia e del territorio siciliano, dichiarandosi pronta a preparare nuove iniziative nelle prossime settimane in diversi centri della Sicilia.

Tags: , , , ,

Ti è piaciuto questo articolo? CONDIVIDILO!


Sicilia su Facebook: ti piace? Sottoscrivi il nostro feed RSS

Citycool su Facebook





Articolo scritto da Ambra Bonaiuto

Ambra Bonaiuto Ambra Bonaiuto Ambra Bonaiuto, dal 2008 si occupa di promozione culturale, valorizzazione del territorio e management degli eventi. Dal 2010 a oggi è presidente dell'Associazione Culturale E-Ludo Lab con lo scopo di realizzare eventi e formazione nell'ambito dei media digitali con particolare riferimento al mondo del videogioco. L'arte, il territorio e la tecnologia l’hanno sempre affascinata in tutte le loro forme. Il suo sogno è quello di valorizzarli rendendoli fruibili a tutti con nuove concezioni ed eventi che attirino le persone e le coinvolgano allo stesso tempo.
Sito: http://www.e-ludo.it


Lascia un commento